Indietro

Quota 100 è legge, settemila domande in Toscana

Il Senato ha convertito in legge il decretone. A Firenze 1.900 richieste, a Lucca 845. Fanalino di coda Siena con 361. Dati diffusi da Coldiretti

FIRENZE — Il decretone che include due dei provvedimenti simbolo del governo gialloverde, pensioni anticipate con la cosiddetta "quota 100" e reddito di cittadinanza, ha ottenuto ieri sera il via libera definitivo dal Senato e ora è legge.

Con “quota 100” è possibile andare in pensione al raggiungimento, nel periodo compreso fra il 2019 e il 2021, di un’età anagrafica non inferiore a 62 anni e di un’anzianità contributiva non inferiore a 38 anni, anche cumulando i periodi assicurativi non coincidenti presenti in due o più gestioni fra quelle indicate dalla norma ed amministrate dall’Inps.

Secondo i dati forniti sempre dall'Inps, entro il 26 marzo scorso in Italia sono state presentate 102mila domande di pensione anticipata e di queste settemila sono state depositate in Toscana (7 per cento del totale). La provincia che ha fatto la parte del leone è Firenze con 1.900 domande (27 per cento), seguita da Lucca con 845 domande. Fanalino di coda fra i capoluoghi toscani è Siena con 361.

Il 90 per cento delle istanze di pensione con “quota 100” transita attraverso i patronati.

“Epaca, Ente di Patrocinio e Assistenza per i Cittadini e l’Agricoltura, ha una lunga storia - dichiara Fabrizio Filippi, presidente  di Coldiretti Toscana - Costituito dalla Confederazione Nazionale Coldiretti, sin dal 1954 con il compito di assistere i cittadini per il conseguimento delle prestazioni previste da leggi in materia di previdenza e assistenza sociale, svolgendo tutela per la difesa dei diritti delle persone. I nostri uffici sono a disposizione di tutti in ogni angolo della Toscana anche per le partiche relative alle pensioni con quota 100”.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it