Indietro

Andrea, senza le gambe sul tetto del mondo

Andrea Lanfri

Il campione paralimpico Andrea Lanfri proverà a diventare il primo al mondo amputato a gambe e mani a scalare l'Everest, vetta più alta dell'Himalaya

LUCCA — Missione Everest per il campione paralimpico lucchese Andrea Lanfri. Grazie ad un crowdfunding, Lanfri avrà le risorse per provare a diventare il primo uomo al mondo amputato per una menigite alle gambe e alle dita delle mani a raggiungere la vetta più alta dell'Himalaya.

Andrea Lanfri, 32 anni, in forza a Fiamme Azzurre e Atletica Virtus Cr Lucca, è riuscito a raccogliere con il suo crowdfunding “Everest 2019” più di 9.000 euro.

E nei primi giorni di gennaio, per convincere tutti che stava davvero facendo sul serio, progettando di essere il primo uomo amputato a gambe e mani a salire sugli oltre 8.000 metri del Tetto del Mondo, ha scalato i 6268 metri del vulcano Chimborazo, in Ecuador.

"Questo è l’inizio del sogno, senza il contributo volontario di tante persone non sarebbe neanche iniziato – ha concluso Lanfri -. Io mi sto già allenando e da qui a maggio ho già in programma una serie di allenamenti mirati per il Tetto del Mondo. Potrei essere il primo al mondo con amputazioni a gambe e mani a riuscirci, non voglio fallire".

Per Lanfri l’ennesima dimostrazione di forza e coraggio. Poco dopo essere uscito dal coma per una meningite, nel 2015, pensava già di tornare a fare scalate e a correre.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6559785 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6559785
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it