Indietro

Sistema tangenziale, ecco il progetto

L’intervento ha un’estensione di 12 km tra nuovi tratti da realizzare e adeguamento di viabilità esistente per un investimento di 110 milioni di euro

LUCCA — Anas (Gruppo FS Italiane) ha illustrato il progetto definitivo del primo stralcio funzionale del Sistema Tangenziale di Lucca, in un incontro organizzato nel pomeriggio di ieri dal Comune.

L’intervento ha un’estensione complessiva di circa 12 km di cui 7,3 km realizzati ex novo e 4,6 km di adeguamento di viabilità esistente.

In particolare, è prevista la costruzione di un’asse Nord-Sud, che si connette a nord con la strada statale 12 dell’Abetone e del Brennero e a sud con la nuova rotatoria Antraccoli Est, nell’omonima località, per uno sviluppo totale di 5,67 km. Un’asse Ovest-Est collegherà invece la nuova “rotatoria Antraccoli Ovest, procedendo in direzione sud lungo la strada provinciale Madonnina con diramazione verso ovest (Lucca centro) fino a collegarsi con la nuova rotatoria Ospedale S. Luca, per uno sviluppo totale di circa 1,65 Km. Infine, un’asse Est-Ovest, ottenuto principalmente mediante l’adeguamento della viabilità esistente, dalla nuova intersezione “rotatoria Antraccoli Est” si svilupperà in direzione est verso il nuovo casello di Capannori in località Frizzone, per uno sviluppo totale di circa 4,64 Km.

L’intervento ha un costo complessivo di 110 milioni di euro ed è inserito nel Contratto di Programma Anas-MIT 2016/2020. Sul progetto definitivo saranno avviate le procedure di Legge Obiettivo: verifica di ottemperanza alla Valutazione di Impatto Ambientale già svolta sul progetto preliminare; acquisizione dei pareri di tutti gli Enti nell’ambito della Conferenza dei Servizi da avviare presso il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti; approvazione del CIPE.

L’analisi paesaggistica eseguita in fase di progettazione ha consentito di valutare le potenziali interferenze e prevedere gli opportuni interventi di mitigazione ambientale e compensazione per un investimento complessivo di 1,15 milioni di euro. In particolare, il progetto prevede la messa in opera di 27.755 esemplari tra alberi, arbusti ed essenze arboree lungo l’intera estensione, che consentiranno la rinaturalizzazione delle aree limitrofe al tracciato e un migliore inserimento ambientale dell’opera, recuperando la trama storica di siepi e filari. Previsti anche interventi per il mantenimento e il ripristino dei canali irrigui esistenti, il mantenimento della viabilità poderale, interventi di mitigazione acustica e accorgimenti per garantire il passaggio faunistico.

Il progetto consentirà di alleviare i volumi di traffico sulla viabilità intorno alle mura di Lucca, fornendo un’alternativa al collegamento tra la SS12 e l’autostrada A11. Inoltre consentirà una maggiore razionalizzazione del traffico locale riducendo i volumi di traffico in ambito urbano (via comunale del Popolo e via dell’Ave Maria. Infine consentirà di mettere in sicurezza e riqualificare la strada provinciale Romana e il nodo di Antraccoli, oltre a fornire un collegamento diretto tra Capannori e l’Ospedale San Luca.

Questo stralcio funzionale si inserisce in un più ampio progetto di interventi previsti per la realizzazione del sistema tangenziale di Lucca, per un’estensione complessiva di circa 30 km.

Fotogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it